Villa Antona Traversi

 

divisorio

Da monastero a villa

Storia

Un viaggio lungo dodici secoli
Villa Antona Traversi a Meda, come appare oggi, è il risultato della trasformazione del monastero di San Vittore operata dall’architetto Leopoldo Pollack nei primissimi anni del secolo XIX. Il millenario monastero femminile di San Vittore fu soppresso il 29 maggio 1798 da un decreto della Repubblica Cisalpina, le monache furono espulse e i beni, compreso l’immobile, venduti all’asta.


CONTINUA

Grandiose architetture

Spazi

Dal Chiostro alla Sala del Coro
 La Villa racchiude ambienti unici come la Sala del Coro, l’ex chiesa interna del Monastero, ancora decorata con il ciclo di affreschi e la volta arabescata di scuola luinesca. Il Chiostro, oggi un cortile porticato di oltre 1.000 metri quadri. La Limonera, la Sala delle Maschere e la Sala ottagonale.
Oltre naturalmente alla Chiesa di San Vittore, costruita a partire dal 1520 e giunta a noi intatta.


CONTINUA

Servizi

Villa Antona Traversi offre un’ampia varietà di spazi, sia interni sia esterni, che la rendono una cornice unica per l’organizzazione di ricevimenti ed eventi.